........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 

Via d’uscita perfetta: Draghi abbandona la nave in tempesta ma a ottobre non daranno la colpa a lui

▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

▷ COMPILA IL QUESTIONARIO, ASCOLTA LA TUA VOGLIA DI ESPRIMERTI: http://q.opinioni.net/access/radioradio.php?prov=site2

Mi siano consentite alcune, pur telegrafiche, considerazioni intorno al tema del dopo #Draghi. Cosa accadrà ora che l’euroinomane di #Bruxelles, ex uomo di #GoldmanSachs, si è defilato e ha rinunziato al posto che occupava sulla plancia di comando?

Molti hanno da subito giubilato e alzato il calice, ritenendo che fosse finita l’era di Draghi o, come amavano dire, il #Draghistan. Molti infatti, del tutto ingenuamente, hanno ritenuto che si trattasse della sconfitta dell’euroinomane più impenitente, dell’unto dei #mercati. Molti davvero hanno pensato che Draghi fosse stato battuto e che si aprisse uno scenario di maravigliosa democrazia, di libertà e magari anche socialismo. Ma non è così. Possiamo dire che si tratta dell’ennesimo successo di Mario Draghi che, con astuzia e scaltrezza, ha misurato ogni cosa di modo che tutto fosse favorevole a lui e alla classe dominante che egli rappresenta in maniera eccelsa.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Possiamo dire che intanto due grandi scenari si aprono e non debbono essere trascurati. Intanto il governo dei migliori (mai espressione fu più orwelliana) ha cagionato una serie di lutti agli italiani: ha portato l’#Italia sull’orlo del baratro, se non già direttamente e interamente dentro il baratro; ha dichiarato guerra alla #Russia di fatto, con le sanzioni e l’invio scellerato di armi all’#Ucraina; ha generato un vero e proprio caos per le classi lavoratrici e per i ceti medi a colpi di #lockdown e altre misure liberticide fatte passare per terapeuticamente corrette e volte a difendere la #salute. Ha insomma prodotto una vera tempesta i cui effetti, già visibilissimi, diverranno dirompenti ad Ottobre e Mario Draghi si è defilato nel mentre cosicché a Ottobre quando gli effetti si scateneranno si dirà, ed egli stesso dirà o lascerà dire, che quegli effetti dirompenti non sono stati causati da Mario Draghi ma sono invece causati dal fatto che Mario Draghi non c’è più.

Detto altrimenti: gli effetti dirompenti causati dalla #guerra scellerata, dalle misure liberticide e terapeuticamente corrette – quelle misure che stanno portando alle stelle il costo della vita, stanno determinando l’inflazione, stanno determinando la pauperizzazione dei ceti medi e delle già martoriate classi lavoratrici – tutti questi effetti scellerati scatenati da Mario Draghi e dal governo dei migliori si abbatteranno soprattutto a ottobre e Mario Draghi e il coro virtuoso degli aedi della globalizzazione politicamente corretta con lui, diranno che quegli effetti non sono causati dal governo di Mario Draghi ma dal fatto che non c’è più il governo di Mario Draghi e che questa è la punizione voluta dai mercati e generata dall’insipienza dei successori di Mario Draghi.

Il secondo aspetto su cui voglio richiamare la vostra attenzione, sta nel fatto che con queste dimissioni impreviste Mario Draghi ha fatto un dispetto (per usare una formula molto garbata) a tutte le forze del #dissenso, quelle che con fatica e con zelo si stavano organizzando per proporre un altro modello, per proporre una possibilità di essere altrimenti rispetto alla #globalizzazione filo bancaria. Ebbene queste forze ora si trovano col fiato corto, sono in difficoltà nell’organizzarsi perché il tempo manca (si voterà a settembre) e quindi saranno in una condizione di palese difficoltà che sta già emergendo, per non parlare poi del fatto che esse, forze di #opposizione del dissenso, sono anche molto spesso in lite fra loro in ciò simili a quei cavernicoli di Platone che – anziché cooperare per uscire dall’antro caliginoso – si prendono a pugni là sotto facendo guerra tra loro anziché unire le forze.

Insomma la tempesta ideale possiamo dire. Sbaglia grossolanamente chi ritiene che Mario Draghi sia stato sconfitto. Mario Draghi non è stato sconfitto ma ha trovato una buona via d’uscita per apparire, ancora una volta, come il salvatore, come l’uomo superiore, come quello che non ha nemmeno bisogno di passare dalle #elezioni per comandare. Insomma, l’unto dei mercati, l’euroinomane più impenitente.

#Radioattività – Lampi del pensiero quotidiano con #DiegoFusaro

Source
▷ AIUTA L’INFORMAZIONE LIBERA, SOSTIENICI: https://donazioni.radioradio.it/

▷ COMPILA IL QUESTIONARIO, ASCOLTA LA TUA VOGLIA DI ESPRIMERTI: http://q.opinioni.net/access/radioradio.php?prov=site2

Mi siano consentite alcune, pur telegrafiche, considerazioni intorno al tema del dopo #Draghi. Cosa accadrà ora che l’euroinomane di #Bruxelles, ex uomo di #GoldmanSachs, si è defilato e ha rinunziato al posto che occupava sulla plancia di comando?

Molti hanno da subito giubilato e alzato il calice, ritenendo che fosse finita l’era di Draghi o, come amavano dire, il #Draghistan. Molti infatti, del tutto ingenuamente, hanno ritenuto che si trattasse della sconfitta dell’euroinomane più impenitente, dell’unto dei #mercati. Molti davvero hanno pensato che Draghi fosse stato battuto e che si aprisse uno scenario di maravigliosa democrazia, di libertà e magari anche socialismo. Ma non è così. Possiamo dire che si tratta dell’ennesimo successo di Mario Draghi che, con astuzia e scaltrezza, ha misurato ogni cosa di modo che tutto fosse favorevole a lui e alla classe dominante che egli rappresenta in maniera eccelsa.

▷ ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE: https://bit.ly/2MeYWI7
▷ ULTERIORI APPROFONDIMENTI SU: https://www.radioradio.it/

Possiamo dire che intanto due grandi scenari si aprono e non debbono essere trascurati. Intanto il governo dei migliori (mai espressione fu più orwelliana) ha cagionato una serie di lutti agli italiani: ha portato l’#Italia sull’orlo del baratro, se non già direttamente e interamente dentro il baratro; ha dichiarato guerra alla #Russia di fatto, con le sanzioni e l’invio scellerato di armi all’#Ucraina; ha generato un vero e proprio caos per le classi lavoratrici e per i ceti medi a colpi di #lockdown e altre misure liberticide fatte passare per terapeuticamente corrette e volte a difendere la #salute. Ha insomma prodotto una vera tempesta i cui effetti, già visibilissimi, diverranno dirompenti ad Ottobre e Mario Draghi si è defilato nel mentre cosicché a Ottobre quando gli effetti si scateneranno si dirà, ed egli stesso dirà o lascerà dire, che quegli effetti dirompenti non sono stati causati da Mario Draghi ma sono invece causati dal fatto che Mario Draghi non c’è più.

Detto altrimenti: gli effetti dirompenti causati dalla #guerra scellerata, dalle misure liberticide e terapeuticamente corrette – quelle misure che stanno portando alle stelle il costo della vita, stanno determinando l’inflazione, stanno determinando la pauperizzazione dei ceti medi e delle già martoriate classi lavoratrici – tutti questi effetti scellerati scatenati da Mario Draghi e dal governo dei migliori si abbatteranno soprattutto a ottobre e Mario Draghi e il coro virtuoso degli aedi della globalizzazione politicamente corretta con lui, diranno che quegli effetti non sono causati dal governo di Mario Draghi ma dal fatto che non c’è più il governo di Mario Draghi e che questa è la punizione voluta dai mercati e generata dall’insipienza dei successori di Mario Draghi.

Il secondo aspetto su cui voglio richiamare la vostra attenzione, sta nel fatto che con queste dimissioni impreviste Mario Draghi ha fatto un dispetto (per usare una formula molto garbata) a tutte le forze del #dissenso, quelle che con fatica e con zelo si stavano organizzando per proporre un altro modello, per proporre una possibilità di essere altrimenti rispetto alla #globalizzazione filo bancaria. Ebbene queste forze ora si trovano col fiato corto, sono in difficoltà nell’organizzarsi perché il tempo manca (si voterà a settembre) e quindi saranno in una condizione di palese difficoltà che sta già emergendo, per non parlare poi del fatto che esse, forze di #opposizione del dissenso, sono anche molto spesso in lite fra loro in ciò simili a quei cavernicoli di Platone che – anziché cooperare per uscire dall’antro caliginoso – si prendono a pugni là sotto facendo guerra tra loro anziché unire le forze.

Insomma la tempesta ideale possiamo dire. Sbaglia grossolanamente chi ritiene che Mario Draghi sia stato sconfitto. Mario Draghi non è stato sconfitto ma ha trovato una buona via d’uscita per apparire, ancora una volta, come il salvatore, come l’uomo superiore, come quello che non ha nemmeno bisogno di passare dalle #elezioni per comandare. Insomma, l’unto dei mercati, l’euroinomane più impenitente.

#Radioattività – Lampi del pensiero quotidiano con #DiegoFusaro

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.youtube.com/watch?v=mv28IHJ_95g”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.videoadessonews.ddnss.org/2022/09/21/via-duscita-perfetta-draghi-abbandona-la-nave-in-tempesta-ma-a-ottobre-non-daranno-la-colpa-a-lui/”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.